Decreto rilancio: le nuove misure di sostegno per la famiglia

Il D.L. Rilancio mette in campo diversi interventi a sostegno delle famiglie, attraverso un provvedimento unitario e organico che stanzia 155 miliardi di euro in termini di saldo netto da finanziare e 55 miliardi in termini di indebitamento.

Nel provvedimento sono contenute una serie di misure che non solo rafforzano e prolungano molti interventi del precedente “Cura Italia” come congedi, lavoro agile per i genitori e bonus baby-sitting, ma introducono nuovi strumenti come il reddito di emergenza.

Ecco i principali interventi a favore delle famiglie.

Reddito di emergenza (REM)

Viene riconosciuta questa forma di sostegno straordinaria, erogata in due quote (per due mesi) con un valore compreso per ciascuna fra 400 e 800 euro (840 euro a famiglie con componenti in condizioni di disabilità grave o non autosufficienza).

La domanda deve essere presentata all’INPS entro Giugno 2020.

I requisiti sono:

•Residenza italiana

• Reddito familiare nel mese di aprile inferiore all’ammontare del beneficio che si riceve

• Patrimonio mobiliare sotto i 10mila euro (fino ad un . Massimo di 20 mila euro, in base alla composizione del nucleo familiare e alla presenza o meno di persone con disabilità)

• Isee sotto i 15mila euro

Bonus COLF E BADANTI

E’ previsto un bonus di 500 euro per aprile e maggio , riservato ai lavoratori domestici con uno o più contratti di lavoro alla data del 23 febbraio 2020 , per un monte ore superiore alle 10 ore settimanali . I lavoratori non devono essere conviventi con le famiglie, e non destinatari di altre indennità previste dal DL Cura Italia e non titolari di pensione BONUS BABY SITTER da 600 a 1200 euro esteso a servizi educativi territoriali, centri ricreativi e servizi per la prima infanzia (Aprile e maggio) BONUS BABY SITTER da 1000 a 2000 euro per medici, infermieri e operatori sanitari

Congedi genitori

Congedo parentale straordinariodi 12 giorni di permessi retribuiti a maggio .

Congedi speciali al 50 % della retribuzione per genitori lavoratori dipendenti del settore privato con figli under 12 dal 5 marzo e fino al 30 settembre per un massimo di 30 giorni

Smart Working

Anche in assenza di accordi individuali per i genitori lavoratori dipendenti del settore privato con figli di età inferiore ai 14 anni e fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid19 , è previsto il diritto di svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile. Possibilità uso strumenti informatici nella disponibilità del dipendente se non forniti dal datore di lavoro

Tax Credit Vacanze

Si tratta di un credito d’imposta a favore delle famiglie con un ISEE non superiore a 40mila euro per il pagamento dei servizi offerti dalle imprese turisticho –ricettive. L’utilizzo è permesso dal 1 ’ luglio al 31 dicembre 2020 in favore di un solo componente per nucleo familiare nel limite massimo di 500 euro (300 euro per i nuclei familiari di due persone e 150 euro per una sola persona).Credito fruibile nella misura dell’80 % come sconto e del 20 % come detrazione

Bonus Mobilità

Bonus pari al 70 % della spesa sostenuta, fino ad un massimo di 500 euro , per l’acquisto di biciclette tradizionali, elettriche ed altri mezzi come hoverboard , segway o monowheel e per l’uso di servizi di mobilità condivisa ad uso individuale, esclusi quelli con autovetture Richiedibile 1 sola volta da maggiorenni che risiedono in comuni e città metropolitane con più di 50mila abitanti , scadenza 31 dicembre 2020.

Rimborso abbonamenti Bus/Metro/Treno

Rimborso del corrispettivo versato per la parte di abbonamento non usufruita purchè il titolo sia stato acquistato entro il 10 marzo 2020 e in corso di validità nei mesi di stop per l’emergenza Vale per i servizi di trasporto pubblico con qualsiasi modalità di trasporto (ferro/gomma o acqua)

Fondo per le politiche della famiglia

150 MILIONI DI EURO per potenziare i centri estivi e contrastare la povertà educativa. Le risorse andranno ai Comuni per rafforzare, anche in collaborazione con istituti privati, i centri estivi diurni, i servizi socio educativi territoriali durante il periodo estivo, per i bambini con età compresa fra i 3 ed i 14 anni Il 10 % dei fondi andrà al finanziamento di progetti mirati a contrastare la povertà educativa nel periodo di emergenza

Bonus baby-sitting

In alternativa ai congedi, rimane la possibilità di scegliere la corresponsione di un bonus per l’acquisto di servizi di baby sitting. Ma rispetto al decreto Cura Italia, viene ritoccato in aumento l’importo: anziché 600 euro, il bonus sale a 1.200 euro. Per i settori relativi alla sicurezza, difesa e soccorso pubblico e per il settore sanitario pubblico e privato il limite massimo è aumentato a 2.000 euro.
In alternativa, sarà possibile utilizzare il bonus per l’iscrizione ai centri estivi, ai servizi integrativi per l’infanzia, ai servizi socio-educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia. La fruizione di tale bonus per servizi integrativi per l’infanzia è incompatibile con la fruizione del bonus asilo nido.

Prevista anche una DETRAZIONE per il 2020 di spese per i centri estivi relative agli under 16 (fino a 300 euro con un reddito sotto i 36mila euro).

About Salvatore Belnato

Dottore commercialista e revisore legale svolge l’attività di professionista con profonda passione e dedizione, facendo dello studio e del costante aggiornamento una linea guida.
Impegnato come docente, presso enti di formazione privati ,in materie tributarie, fiscali, ed economico- aziendali , ricopre l’incarico come revisore presso varie società.
La sua formazione ha visto l’esperienza sia su vari studi professionali sviluppando competenze nell’ambito fiscale, tributario, della contabilità e bilancio aziendale,sia presso diverse aziende maturando conoscenze in ambito di analisi di bilancio e di programmazione e controllo.
Appassionato di cinema, musica rock e romanzi noir, è un convinto sostenitore della sinergia di gruppo e della condivisione.

1 commento su “Decreto rilancio: le nuove misure di sostegno per la famiglia

  1. Gabriela Cisleanu Rispondi

    Se io convivo con la persona che faccio la governate,a nero, sto nella stessa casa con mio figlio 8 anni siamo residente dove lavoro, siamo messi nello stesso stato di famiglia, sono di nazionalità rumena con un bimbo che non posso prendere né assegni familiari, non mi tocca nulla, nulla, cosa devo fare, grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *